Immagine generica di copertina
Servizi

TRANSAMINASI

Le TRANSAMINASI sono degli enzimi, delle sostanze cioè che, nel nostro organismo, accelerano alcune importanti reazioni nel nostro organismo. Si trovano un po’ dappertutto, ma prevalentemente nelle cellule del FEGATO, nel MUSCOLO SCHELETRICO, nel PANCREAS e nel CUORE. Quando le cellule di questi organi sono danneggiate, si rompono, le transaminasi si riversano nel sangue e la loro concentrazione aumenta. Ecco perchè, quando il valore delle transaminasi risulta alterato, si possono sospettare problemi a carico del fegato, dei muscoli, del pancreas o del cuore.

Il controllo delle transaminasipuò essere eseguito nella nostra farmacia su una goccia di sangue prelevata da un polpastrello. Il tempo necessario per ciascuna analisi è di qualche minuto ed il COSTO è di 5 euro per singolo prelievo.

E' richiesto il DIGIUNO almeno da 8-12 ore e la sospensione dall'assunzione di alcool 24 ore prima.

Nel sangue sono presenti 2 tipi di transaminasi: le GOT ( glutammico-ossalacetico-transaminasi dette anche AST ossia aspartato-amino-transferasi) e le GPT (glutammico-piruvico-transaminasi o ALT ossia alanino-amino-transferasi).

In condizioni normali GOT e GTP sono presenti in circolo a livelli molto bassi, ovvero inferiori alle 40 U/l. Incrementi modesti ed occasionali non devono porre in allarme, dal momento che possono essere legati ad eccessi alimentari o di alcool, utilizzo di farmaci, infezioni ecc. Tuttavia un incremento di ENTRAMBE le transaminasi è un indice di un danno a carico del fegato ( per esempio un'epatite o la cirrosi o una comune steatosi epatica, quella che comunemente viene chiamata “fegato grasso”). Un aumento isolato della sola GOT può essere espressione invece di un danno muscolare o del cuore (come nel caso dell'infarto). Ciò che, al contrario, deve spingere ad eseguire ulteriori esami è o un aumento improvviso ed importante delle transaminasi (ad esempio il doppio dei valori normali massimi) soprattutto se associato a sintomi quali dolore, nausea, vomito, o un aumento cronico, cioè presente e persistente da molto tempo.